top of page
LIGASANO Schriftzug.png

Condizionamento della ferita prima degli interventi chirurgici

Testi e immagini (c) Ligamed

Caso 1 -
Trattamento della ferita con LIGASANO® bianco sulla caviglia

Dati del paziente e anamnesi:

53 anni, maschio

  • Polineuropatia ereditaria

  • Stato post tumore cerebrale dall'età di 40 anni

  • frattura della caviglia 5 anni fa; Il giunto doveva essere irrigidito

  • abuso di alcol e nicotina

All'età di 50 anni dolore all'articolazione della caviglia. Gonfiore e ritenzione idrica. Il medico di famiglia lo ha indirizzato da un ortopedico. In primo luogo, bende, solette e cura delle scarpe per la stabilizzazione. Diagnosi: artrosi nella parte superiore della caviglia.

 

Un anno dopo intervento chirurgico in ospedale. Caviglia irrigidita, di nuovo scarpa ortopedica, persistevano dolore e gonfiore. Cambio di specialista, dubbi sulla cura.

Eseguita la fusione della caviglia superiore e inferiore, accorciato il perone di 15 cm per collegarlo all'avampiede con materiale osseo.

Piastra di stabilizzazione montata. L'intervento ha avuto luogo nel 2015. Gesso reclinato applicato per due mesi. Portata di peso a 20 kg con aumento a 40 kg nei due mesi successivi. Inizio 2016 montaggio di una scarpa VACO PED per ulteriore sollievo, sviluppo di una situazione di ferita dovuta alla pressione della scarpa nella zona della cicatrice senza percezione del dolore. La guarigione della ferita è stata ritardata per diversi mesi.

Nel febbraio 2017, un nuovo tampone della ferita ha rivelato una chiara infezione batterica. Una VAC è stata poi applicata due volte. Nel marzo 2017, il paziente è stato trasferito alla BG Unfallklinik Murnau con un sospetto di sepsi acuta. Dopo un tampone della ferita positivo, è stato somministrato un trattamento antibiotico di alto grado per 6 settimane.

1.png

Fig. 1: Nel 2015, fusione della caviglia superiore e inferiore, accorciamento del perone di 15 cm per creare una connessione con il materiale osseo con l'avampiede. Installazione di una piastra di stabilizzazione

2.png

Fig. 2: Applicazione di un fissatore esterno ad aprile 2017 (stabilizzazione dell'articolazione della caviglia con tibia e calcagno). Dimissione dopo 6 settimane, carico parziale consentito (trattamento con stampelle).

3.png

Fig. 3: A giugno 2017 è stata eseguita una TC 3D che mostra i germi: disintegrazione del perone, danno alla caviglia superiore e inferiore. Terapia del dolore nonostante la polineuropatia (morfina ad alte dosi).

4.png

Fig. 4: luglio 2017: i siti di puntura sono infiammati (reazione materiale). Fornitura con impacchi bianchi a fessura LIGASANO®. Scarico della pressione con personalizzazione della compressione.

5.png

Fig. 5: 17 luglio 2017 La medicazione è stata cambiata ogni due giorni.

6.png

Fig. 6: 17.07.2018 Come medicazione primario sono state utilizzate compresse sterili a fessura in LIGASANO® white.

7.png

Fig. 7: 17/07/2017: Bendaggio secondario e imbottitura con LIGASANO® bianco.

8.png

Fig. 8: 17.07.2017 A causa del carico del tallone consentito, abbiamo imbottito con LIGASANO® bianco e verde per alleviare la pressione. Allo stesso tempo è stato eliminato un difetto sulla balla inferiore.

9.png

Fig. 9: 17 luglio 2018 Bendaggio compressivo su misura.

10.png

Fig. 10: Rimozione del fissatore esterno a gennaio 2018. Per le prossime sei settimane è consentito un carico parziale massimo di 20 kg.

11.png

Fig. 11: Carico parziale dopo quello con 40 kg. Da giugno 2018 è consentito il pieno carico del calcagno. Un carico completo dell'intero piede sarà possibile solo tra pochi anni.

12.png

Fig. 12: Trattamento con calzatura speciale, double. fornitura di stampelle. Assistenza infermieristica e assistenza fornita dalla moglie. Il paziente è in prepensionamento, attualmente livello di assistenza 3.

Autori:
Centro sociale Caritas Berchtesgadener Land, equipe per le ferite Christine Kantsperger, Martina Vogel, Dr. medico Rudolf Bauer, Siegsdorf, specialista in medicina generale

(c) Ligamed

bottom of page