top of page
LIGASANO Schriftzug.png

Fistole e ferite chirurgiche

Testi e immagini (c) Ligamed

Caso 1 -
Trattamento della ferita con LIGASANO® in un sito di puntura PEG infiammato

Dati del paziente ed anamnese:

Bambina di 2 anni della Bassa Baviera, encefalopatia post epilettica, inserimento PEG a causa del rifiuto del cibo il 05.09.2016 ad Augsburg. Inizialmente, cambi di medicazione giornalieri, pulizia con NaCl, trattamento con Metalline.

Infiammazione del sito di puntura, focus di pus visibile, gonfio. Presentazione al pediatra. Raccomandazione: cambio della medicazione due volte al giorno, pulizia con Octenisept, se necessario pomata antiobiotica in caso di ulteriore deterioramento. Dal 14.09.2016 inizio del trattamento con LIGASANO®: pulizia due volte al giorno con Octenisept, applicazione di una compressa sterile a fessura LIGASANO® 7,5 x 7,5 x 1 cm

1 1.jpg

Fig. 1: 16.09.2016 pulizia con Octenisept, applicazione pomata antibiotica per due giorni, cambio medicazione una volta al giorno con LIGASANO® bianco sterile 7,5 x 7,5 x 1 cm

1 2.jpg

Fig. 2: 23.09.2016 Miglioramento significativo, ulteriore cambio della medicazione una volta al giorno con LIGASANO® bianco sterile 7,5 x 7,5 x 1 cm, erogazione dell'unguento terminata.

1 3.jpg

Fig. 3: 10.10.2016 Infiammazione minima ancora presente, ulteriore cambio della medicazione una volta al giorno con LIGASANO® bianco sterile 7,5 x 7,5 x 1 cm

1 4.jpg

Fig. 4: 23.10.2016 guarigione completa dell'infiammazione.

1 5.jpg

Fig. 5: 23.10.2016 Ulteriore utilizzo della compressa a fessura in LIGASANO® bianco sterile 7,5 x 7,5 x 1 cm

Conclusione:

Una fornitura molto semplice, economica e priva di allergeni. Le compresse a fessura realizzate con il materiale di medicazione LIGASANO® bianco sono ancora utilizzate come protezione dalla pressione e per la profilassi.

Autore: Barbara Hinz, infermiera, esperta di ferite, di Landshut

(c) Ligamed

Ricoprire i cavi

Compresse pretagliata - medicazione a fessura

Caso  1 -
Ustioni della parte sinistra della coscia in forno caldo

Dati paziente/anamnesi:

33 anni, maschio, ascesso del seno pilonidale (recidiva), condizione dopo l'escissione, trattamento della ferita aperta nel novembre 2014 per un ascesso laterale sinistro alla radice del pene, condizione dopo l'escissione, trattamento della ferita aperta nell'aprile 2013 per ascesso del seno pilonidale, condizione dopo il pit picking, abuso di nicotina. Nel settembre 2015 è stato asportato il seno pilonidale che formava ascessi. Reperti istologici: seno pilonidale con infiammazione fibrotica attiva e cronica. Pretrattamento in clinica: lavare la ferita più volte al giorno. Il trattamento con impacchi è stato utilizzato per riempire e coprire la ferita. Per il fissaggio è stato utilizzato un cerotto adesivo in poliacrilato Fixomull® stretch.

La paziente si è presentata per la prima volta al nostro centro per ferite WZ® il 27 ottobre 2015 con forte dolore nell'area della ferita e nell'area circostante la ferita, in terapia farmacologica del dolore con inibitori della Cox-2 - Arcoxia 90 mg in la mattina. L'area intorno alla ferita era priva di irritazioni. C'era una leggera emorragia attorno al bordo della ferita.

La profondità della ferita era di 2,5 cm, raggiungendo il sottocute. Il letto della ferita era ricoperto per l'80% di fibrina, che era saldamente attaccata al letto della ferita. Occasionalmente sono state trovate isole di granulazione. Quando le bende sono state rimosse era presente un odore di ferita. Al primo ricovero è stato prelevato un tampone che mostrava la colonizzazione da parte di Corynebacterium sp. e stafilococchi coagulasi negativi. Il 29 marzo 2016 è stato eseguito uno striscio di controllo, che ha rilevato solo eritrociti, leucociti ed epiteli isolati. Il trattamento della ferita terapeutica locale nel centro per ferite WZ® è stato effettuato come segue:

Pulizia delle ferite: Fase umido-asciutta con una soluzione detergente per ferite a base di ossigeno singoletto, NaOCl (ActiMaris®).

Filler per ferite: Tamponamento con nastro per ferite LIGASANO® 300 x 2,5 x 0,4 cm, bianco, sterile.

Rivestimento della ferita: Zetuvit® plus10 x 20 cm. Fissaggio con Mefix® 11 cm x 10 m.

Frequenza dei cambi di medicazione giornalieri, con riduzione dell'essudazione a 3-4 volte a settimana. Ai parenti è stato chiesto di cambiare la medicazione. Nell'ambito dell'educazione relativa al paziente, è stata prestata particolare attenzione alle misure igieniche, all'astinenza dal fumo, all'assunzione di antidolorifici e alla sostituzione nutrizionale. Come ausilio è stato prescritto un cuscino del sedile per ridurre o distribuire la pressione.

2 1.jpg

Fig. 1: 27.10.2015

2 2.jpg

Fig. 2: 17.11.2015

2 3.jpg

Fig. 3: 03.12.2015

2 4.jpg

Fig. 4: 22.12.2015

2 5.jpg

Fig. 5: 14.01.2015

Fig. 1: 27.10.2015: Dimensione della ferita 8,37 cm2, profondità della ferita 2,5 cm, dolore secondo NRS: 8/10

Fig. 2: 17.11.2015: Dimensione della ferita: 4,35 cm2. Contrazione della ferita visibile, tessuto epiteliale intorno alla ferita è stabile. Profondità della ferita: 1,8 cm. A causa della misura terapeutica locale con la fascia per ferite LIGASANO® bianca, sterile, è stato possibile ottenere una riduzione del dolore secondo NRS: 3/6.

Fig. 3: Dal 03.12.2015 è stata apportata una modifica alla terapia. La pulizia della ferita è stata lasciata così com'è, l'assorbitore è stato sostituito da una medicazione LIGASANO®. lasciare la fissazione. La frequenza dei cambi di medicazione è aumentata a 4 volte a settimana.

Fig. 4: 22.12.2015: dimensione della ferita 0,31 cm2, profondità della ferita 0,1 cm, farmaci antidolorifici sospesi dal 14.12.2015

Fig. 5: 14.01.2016: Ferita stabile, epitelializzata, senza recidive fino ad agosto 2016.

 

Riepilogo / conclusione:

La fascia per ferite LIGASANO® 300 x 2,5 x 0,4 cm, bianca, sterile mostra un ottimo adattamento ai contorni della ferita senza esercitare pressione sulla ferita. La granulazione, così come la contrazione della ferita, è avvenuta molto rapidamente con una contemporanea diminuzione dell'essudazione e una significativa riduzione del dolore

Autore: Heidi Jodl, infermiera, AZWM®, capo del WZ®-Wound Center Augsburg

(c) Ligamed

bottom of page